Federico Lovato

Federico Lovato ha studiato pianoforte col padre e con Ezio Mabilia, diplomandosi nel 1995 presso il Conservatorio “B. Marcello” di Venezia col massimo dei voti, lode e menzione speciale al merito. Nel 1997 presso lo stesso Conservatorio consegue brillantemente anche il diploma in violoncello. In seguito, nel 1997 e nel 2001, sotto la guida di Piero Rattalino ottiene i Diplomi di Concertismo presso l’Accademia “S. Cecilia” di Portogruaro e “Incontri col Maestro” di Imola; prosegue poi la sua formazione artistica per la musica da camera con B. Greenhouse, M. Flaksman e gli interpreti del “Trio di Parma”.

Classificatosi tra i vincitori in diversi concorsi nazionali e internazionali (Taranto, Albenga Venezia, Sangemini, Piacenza, Monopoli, Pordenone, Trieste, Sibiu) ha intrapreso un’intensa attività concertistica che lo ha portato a suonare ripetutamente in Francia, Slovenia, Croazia, Polonia e Germania, in prestigiose sale quali il “Mali Theatre” di Varsavia, la “Gasteig Konzertsaal” di Monaco di Baviera, la casa natale di U. Wolf a Slovenigradec. In Italia si è esibito in diverse città tra cui Milano (Teatro delle Erbe), Bologna (Sala Mozart), Roma (Chiesa di S. Giorgio al Velabro), L’Aquila (Teatro S. Filippo), Venezia (Circolo Artistico e Scuola Grande di S. Giovanni Evangelista), Piacenza, Livorno. Ha collaborato in veste di solista con diverse orchestre, tra cui l’Orchestra Nazionale Croata, l’Orchestra da Camera di Padova e del Veneto, l’Orchestra Sinfonica Abruzzese, l’Orchestra Sinfonica della RTV di Lubiana, l’Orchestra Filarmonica di Zagabria, l’Orchestra del Teatro la Fenice di Venezia, l’Orchestra Filarmonica di Sibiu e la Corean Chamber Orchestra.

All’attività solistica affianca quella di camerista. Regolarmente invitato a importanti Festival e Stagioni concertistiche, ha collaborato con importanti musicisti tra cui R. Fabbriciani, M. Somenzi, B. Cavallo, V. Mendelsohnn, M. Flaksmann, L. Vignali e, recentemente, con il violinista D. Nordio.

Con il fratello Francesco, violinista, e il cornista Guglielmo Pellarin costituisce l’Opter Ensemble, formazione che oltre al repertorio tradizionale esegue in esclusiva gli arrangiamenti di D. Zanettovich e F. Francescato rispettivamente della Serenata op. 11 di Brahms e del poema sinfonico “Till Eulenspiegels lustige Streiche” op. 28 di R. Strauss. Nel novembre 2016, nell’ambito della stagione concertistica dell’Ex-Novo Ensemble presso le Sale Apollinee del Teatro la Fenice di Venezia, il Trio ha presentato al pubblico in prima assoluta una composizione di F. Schweizer in un concerto registrato per RAI Radio 3. Nel 2016 l’Opter Ensemble è stato selezionato dal CIDIM (Comitato Nazionale Italiano Musica) e dalla Fondazione Friuli per il progetto “Friuli in Musica” tenendo concerti in Italia, Turchia, Albania, Germania, Svezia ,Giappone, Corea e Cile.

In duo con G. Pellarin Federico Lovato ha inoltre inciso un disco pubblicato da “Audite!” dedicato al repertorio francese per corno e pianoforte.

Si è esibito con la violoncellista croata J. Ocic in Italia, Francia, Germania, Stati Uniti, Polonia e Croazia, in particolare per la rassegna “Salon Ocic” di Zagabria suonando nel 2006 e nel 2008 in diretta radiofonica per la RTV croata. Nel gennaio del 2010 è stato pubblicato il loro primo lavoro discografico che ha ottenuto uno straordinario successo di pubblico e di critica a livello mondiale ed è uscito nel settembre 2011 un secondo disco comprendente fra l’altro la trascrizione della celebre sonata “Kreutzer” di Beethoven: entrambe le produzioni sono edite dalla casa discografica Challenge Records, importante etichetta olandese.

Col quartetto “Archipelago” (due pianoforti e due percussioni) nell’ambito del Festival “Estate Musicale 2004” di Portogruaro ha registrato per Radio3 un concerto che comprendeva sei brani scritti appositamente per l’occasione e con la stessa formazione, in collaborazione col “Tammittan ensemble”, nel 2012 ha registrato un CD per Dynamic comprendente tre opere in prima assoluta.

Federico Lovato è attivo anche come organizzatore musicale. Nel 2004 fonda l’Orchestra d’Archi “I Solisti in Villa” con la quale ha debuttato nel ruolo di direttore-solista e ricoperto il ruolo di direttore artistico per sei anni. In seguito ha collaborato con l’Orchestra San Marco di Pordenone dove ha ricoperto anche il ruolo di Vicepresidente. Dal 2014 al 2018 ha collaborato con l’Azienda di Promozione Turistica di Medulin (Croazia) per la realizzazione del festival locale di musica da camera.

È docente presso il conservatorio “J. Tomadini” di Udine dove tiene corsi di lettura e scrittura musicale, ear-training e pratica dell’accompagnamento pianistico e dove ricopre inoltre il ruolo di coordinatore dell’attività concertistica degli studenti.

X