Costituitasi nel 1969 con lo scopo di accompagnare il coro San Marco, l’Orchestra San Marco opera inizialmente sul territorio regionale allargando ben presto l’attività al più vasto repertorio sinfonico e facendosi conoscere in molte città italiane ed estere dove riscuote ottimi riconoscimenti di pubblico e di critica: da Venezia (Basilica dei Frari e Biennale Musica) a Treviso, da Aquileia a Bolzano (Rimusicazioni), da Padova a Trieste a Torino. L’Orchestra San Marco tiene annualmente una importante stagione concertistica in Città e Provincia, con decine di concerti.
Ultimamente si è proceduto a stabilizzare i rapporti con i migliori musicisti che nel tempo avevano più stabilmente collaborato, facendo dell’orchestra “San Marco” la migliore opportunità per i giovani concertisti residenti sul territorio di esercitare la loro arte, in un contesto via via più stimolante sotto il profilo dei programmi musicali e dei collegamenti con strutture analoghe.
Diversi direttori si sono alternati sul podio dell’orchestra, da Massimo Parovel (attuale direttore del Conservatorio di Trieste) a Tiziano Forcolin, da Luigi De Paoli a Carlo Berlese… Recentemente sono stati stretti contatti con nuove bacchette – Walter Themel, Enrico Casazza, Davide De Lucia, Paolo Pessina, Francesco Belli, Eddi De Nadai, Valter Sivilotti, Antonio Ballista, Lior Shambadal – e solisti di chiara fama, al fine di dare nuovi impulsi artistici al complesso orchestrale ed una notorietà tale da renderlo competitivo e metterlo in condizione di entrare nel più vasto circuito concertistico.

Secondo le consuetudini delle principali orchestre, è prevista, all’interno del complesso, la formazione di gruppi cameristici costituiti dalle prime parti delle diverse sezioni, in grado di sviluppare una loro ulteriore programmazione concertistica anche in collaborazione con ulteriori solisti di grande prestigio: si tratta di quartetti e quintetti di archi o di fiati, di ensemble di ottoni, di percussioni, di strumenti misti. Fra i solisti che si sono esibiti con l’orchestra si ricordano i violinisti Francesco Manara, Lucio Degani, Alberto Martini, Carlo Chiarappa; l’oboista Luca Vignali; i pianisti Antonio Ballista, Massimo Somenzi, Federico Lovato e Roberto Turrin; il trombettista Diego Cal; il cornista Guglielmo Pellarin; il flautista Enzo Caroli; il chitarrista Paolo Pegoraro; i cantanti Abramo Rosalen, Sara Mingardo, Laura Antonaz, Roberta Canzian, Luciana D’Intino, Anna Maria Dell’Oste, Mamiko Sakaida, Gian Paolo Fagotto, Daniele Gaspari, Emanuele Giannino, Marcello Nardis, Nicola Pamio, Gianluca Sorrentino, Claudio Zancopè…

Il repertorio dell’orchestra comprende musiche di tutte le epoche, alternando le più note ad altre meno conosciute, quand’anche non meno importanti e meritevoli di attenzione: dal barocco (eseguito secondo i più recenti apporti della prassi esecutiva) al contemporaneo, dalla triade classica viennese (Beethoven, Mozart, Haydn, fondamentali per una piena comunicazione con i fruitori del prodotto musicale, e non di meno imprescindibili per la formazione e la crescita dell’orchestra) ai grandi romantici, dal novecento storico alla più recenti contaminazioni fra classico e leggero.

L’utilizzo di strumenti originali per l’interpretazione di composizioni barocche e classiche rende l’offerta dell’Orchestra e Coro San Marco un punto di riferimento per lo sviluppo di una “cultura musicale” di altissimo livello. A tal proposito nell’ultimo anno l’Orchestra San Marco ha eseguito due anteprime assolute; la cantata di A. A. Miari “Napoleone massimo trionfante al tempo della gloria” eseguita in occasione della rievocazione storica della battaglia di Napoleone svoltasi presso Villa Correr Dolfin a Porcia e  la Sinfonia n. 3 “Eroica” di L. V. Beethoven eseguita in anteprima a Villa Manin di Passariano di Codroipo.

Direttore Artistico della Società Musicale Orchestra e Coro San Marco è il M° Federico Lovato.

X